Vai alla barra degli strumenti
Description

Ecco cosa c’è da sapere sulla possibile trasmissione sul coronavirus attraverso l’aria condizionata dell’auto, ma anche dei mezzi in generale

Nonostante il coronavirus, milioni di italiani, più degli altri anni, aspettano con impazienza l’arrivo dell’estate con la speranza di debellare il contagio. Molti esperti parlano del caldo come possibile via di uscita da questa pessima situazione. Nonostante ciò, si riflette sulla possibilità che l’aria condizionata possa nuocere in termini di contagio. Diverse sono le ipotesi fornite in merito.

“Si ipotizza che l’aria condizionata possa aerosolizzare il virus e poi trasmetterlo a distanza. Ad ora non c’è nulla di scientificamente provato” afferma Giovanni Rezza, direttore dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss). In Cina ed in Corea del Sud però stanno attuando i primi studi che vanno a scandagliare un po’ quello che potrebbe succedere.

Aria condizionata in auto, lo studio cinese

Mascherine
aria condizionata (Getty Images)

In Cina è stata analizzata una serie di contagi probabilmente avvenuti in un ristorante di Guangzhou. Questo a causa di una donna di 63 anni che, dopo essersi recata lì lo scorso gennaio, è risultata positiva al coronavirus. Nelle due settimane successive, altri nove clienti si sarebbero ammalati tra cui 5 commensali. Tutte le persone contagiate siedevano al tavolo della persona infetta o in uno di quelli prossimi alla linea del condizionatore in una stanza senza finestre. Lo studio comunque è stato fatto in maniera grossolana. Non sono stati infatti eseguiti esperimenti per simulare la trasmissione aerea. Inoltre, i 6 campioni prelevati dal condizionatore d’aria sono risultati negativi.

Lo studio coreano

Lo studio in Corea del Sud è stato condotto presso un call center in un palazzo a 19 piani. Una persona che lavorava nell’edificio, lo scorso 8 marzo, è stato trovato positivo al covid-19. Da lì è stato fatto il test su 1.143 persone e trovati 97 casi da coronavirus. Di questi, ben 94 lavoravano al call center sito all’undicesimo piano. Se calcoliamo che i dipendenti totali sono 216, riscontriamo un tasso di prevalenza del 43,5%.

Dai due studi, dice sempre Rezza, è emerso che “I problemi potrebbero essere i flussi d’aria creati dai dispositivi perché potrebbero spostare queste goccioline più lontano da quello che è il metro di distanziamento”. Questo però, tiene a precisare il medico, è stato un caso eccezionale e non è l’aria condizionata in sé a portare il virus.

Fonte : www.automotorinews.it

ULTIMI ARTICOLI

Città marittima e costiera dai mille colori e sapori Imperia è una meravigliosa città della Riviera ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Franceska Pepe ha un fidanzato? Lo scoop è stato svelato da Alfonso Signorini, che ha raccontato ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Neanche le reti del Governo statunitense sono sicure: gli hacker le hanno violate sfruttando ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Questa volta i rumors, che ogni volta circondano il lancio di un nuovo iPhone, ci hanno preso. Il ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
In attesa alla fermata del bus o sulla banchina della metropolitana. Poi, a bordo, stretti, come ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
L'indice di crescita della curva è ormai diventato esponenziale portandosi dietro a sé la situazione ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Da oggi sarà possibile ordinare la nuova Aprilia RS 660: le caratteristiche dell’ultima arrivata ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Uno studio condotto da ACI e Bosch ha rivelato che la frenata assistita riduce i tamponamenti delle ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Fernando Alonso entusiasta dopo il test Renault: “La F1 è straordinaria”. Il pilota spagnolo ha ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Il Diesel potrebbe avere nuova vita: dalla Finlandia il nuovo carburante pulito per l’aria ed i ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Valentino Rossi legherà il suo futuro alla MotoGP dopo il ritiro. L’ex manager non ha dubbi: “Un ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Covid in Italia. Scende a 10 giorni da 14 la quarantena e per i positivi un solo tampone in uscita. ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Il leggendario inventore della PlayStation Ken Kutaragi ha cambiato vita: addio videogiochi, ora il ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Le alternative che aveva EA per il lancio del nuovo capitolo di Fifa erano sostanzialmente due: ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Addio truffe degli abbonamenti non voluti: stanno per arrivare le prime SIM anti VAS Nuove ...
Foto del Profilo
Vizual_admin
Elisabetta Gregoraci è ovviamente un personaggio che fa sempre e comunque parlare di sé. Stavolta a ...
Foto del Profilo
Vizual_admin